fbpx
Seleziona una pagina

Il Raschera d’alpeggio

Nel cuore delle alpi piemontesi, a 2000 metri di quota, in una zona circoscritta e composta di soli otto comuni della provincia di Cuneo, nasce il formaggio Raschera di alpeggio: l’eccellenza della tradizione e del suo territorio.

Uno dei formaggi tradizionali piemontesi DOP che compone il patrimonio gastronomico del nostro paese, e che per la sua particolare importanza fa parte dei presidi che Slow Food si impegna a salvaguardare e tramandare.

Il formaggio Raschera di alpeggio DOP nasce in una zona particolare e molto precisa: sulle Alpi Marittime in una località chiamata appunto Alpe Raschera.

L’area dell’Alpe Raschera si estende tra pascoli ad alta quota, ai piedi del Monte Mongioie, sulle rive di un lago; in questo luogo dove il clima montano è mitigato dalla prossimità del mare si crea una combinazione unica e inedita di fattori territoriali che garantisce una grande varietà di erbe fresche, che gli animali pascolando trasferiscono nel loro latte.

Dal loro latte genuino e ricco di profumi che non si possono replicare in nessun altro modo, nasce il formaggio Raschera.

La sua forma originaria è quadrata, e deriva dalla difficoltà che una volta i contadini avevano di trasportare a valle le forme tonde a dorso di mulo per poterle vendere. Oggi il Raschera si trova in entrambe le forme anche se la stragrande maggioranza è quadrata.

Conoscere meglio il Raschera.

Il Raschera è un formaggio pressato, prodotto senza alcun tipo di conservante con solo latte vaccino, anche se la tradizione vuole che si possa aggiungere latte di pecora o capra per accentuare il sapore, ma in quantità limitate.

La stagionatura.

Ha una stagionatura minima di un mese, ma possono esserci stagionature più lunghe da due mesi o più, in grotte scavate nella terra, dette selle, dove umidità e temperatura rimangono costanti, condizioni ideali per la stagionatura dei formaggi.

Gli animali.

L’alimentazione del bestiame deve essere costituita da foraggi verdi o conservati ma sempre provenienti da prato o pascolo della zona.

Aspetto.

Si presenta in forme quadrate che hanno queste dimensioni: lato 28-40 cm circa, scalzo da 7 a 15 cm, peso da 6 a 10 chilogrammi
La versione rotonda, meno diffusa, invece presenta un diametro che va dai 30 ai 40 cm, uno scalzo di 6-9 cm e un peso tra i 5 ed i 9 chilogrammi.

Caratteristiche.

• La pasta è semidura, consistente con piccole occhiature sparse ed irregolari mentre il suo colore varia dal bianco al bianco avorio.
• La crosta, non edibile, è sottile di colore grigio o rossastro, liscia e regolare. A volte sullo scalzo ci possono essere chiazze rossastre dovute alle muffe che si producono durante la stagionatura.
• Il sapore è fine, delicato, profumato e leggermente piccante e sapido se stagionato.
• Il periodo di produzione si estende lungo tutto l’arco dell’anno.

Le ricete per assaporarlo al meglio.

Il Raschera è un formaggio da taglio che si presta a essere consumato in vari modi.
Il modo più semplice e gustoso è quello di assaporarlo con una croccante fetta di pane casereccio e del buon vino rosso di casa, come facevano i nostri nonni e i contadini di quelle valli.
Un altro soddisfacente modo per gustarlo è utilizzarlo come ingrediente in cucina con
• risotti,
• plin,
• ravioli,
• gnocchi
sono divini conditi con il Raschera fuso.

Ma le ricette con il Raschera sono decisamente tantissime, simili in verità a quelle con altri formaggi piemontesi come il Castelmagno o la robiola di Roccaverano.
Essendo predisposto a fondersi e ad amalgamarsi molto bene ecco che le fondute e le polente sono piatti che non possono mancare nell’elenco, così come è facile creare salse e creme a base di Raschera fuso da utilizzare su torte salate o sformati.
Un formaggio gustoso e prelibato che si presta a diventare protagonista in cucina anche in accompagnamento e nelle ricette più semplici.

5 formaggi per affrontare il caldo e la spiaggia

Con l’estate arriva il desiderio di cibo fresco e leggero: tra i vari alimenti, i latticini risultano essere un’ottima alternativa per gustare piatti leggeri, freschi e veloci da preparare. Perfetti come portata principale da esaltare con un fresco contorno di...

Voglia di fresco: scopriamo lo yogurt di montagna

La stagione estiva è iniziata e le malghe in alpeggio sono già in fermento. Con il buon latte fresco si preparano anche i freschissimi quotidiani: panna, burro, ricotta e lo yogurt.  Ed è proprio lo yogurt il fresco il protagonista dell’escursione di oggi che ci porta...

5 consigli per comporre un perfetto tagliere di formaggi di alpeggio

Abbiamo deciso di fare il giro delle alpi alla ricerca dei migliori formaggi di alpeggio, vieni con noi? No, non serve allacciare gli scarponi, per scoprire i sapori della montagna basta sedersi a tavola e iniziare ad allenare i cinque sensi. Si tratta di...

Formaggi di alpeggio: l’origine del gusto

Il formaggio ha una storia lunga e ricchissima, che risale alla Preistoria. La storia del formaggio corrisponde all’evoluzione dell’abilità casearia dei nostri antenati, e ha inizio da quando l’uomo ha iniziato a dedicarsi alla pastorizia. Nasce dall’esigenza di...

Formaggio di alpeggio: come sceglierli in modo sicuro

I formaggi di alpeggio sono i più buoni e pregiati, non solo perché "in montagna il gusto ci guadagna", scopriamo insieme i motivi di tanta bontà.  1- perché nascono dalla lavorazione di un latte genuino e molto più ricco di profumi e sapori. Le vacche sono libere al...

Estate: la stagione dei formaggi di alpeggio

In estate la montagna è in gran fermento. Formaggi e malghe infatti sono nel pieno della loro attività e produzione. Pascoli fioriti, malghe laboriose ed escursionisti alla ricerca della genuinità sempre in marcia, riempiono di vitalità i quieti paesaggi montani. In...

Freschezza in tavola: quattro ricette estive con il formaggio di capra

In estate fa caldo, a volte caldissimo e la ricerca di freschezza è la priorità. Ci alleggeriamo, non solo nel vestire ma anche nel mangiare; cerchiamo piatti freschi che non appesantiscano durante la digestione o facciano sudare mentre li mangiamo. A mezzogiorno,...

(R)estate in Malga: i formaggi di alpeggio da gustare nel periodo estivo

“Ci sono pastori, casari e artigiani che rifiutano le scorciatoie della modernità e che, testardamente, continuano a produrre formaggi ed alimenti rispettando naturalità, tradizione, gusto. Anche se tutto ciò comporta fatiche, rischi, polemiche, isolamento. Resistono,...

Verdure in vetro: come si conserva tutta la bontà, dalla terra alla tavola.

Viaggio nei sapori del Sud, alla scoperta di una terra da favola, baciata dal sole e dal mare, che attraverso il lavoro di uomini e donne legati alle loro tradizioni e al territorio ci regala un concentrato di gusto e autentica bontà da mettere direttamente nel...

Il formaggio d’alpeggio sulla tavola delle feste

Dove c’è buon cibo è subito festa. Le nostre feste tradizionali hanno a che fare con ricorrenze a cui associamo immediatamente dei piatti speciali, che si preparano in quell’occasione particolare. Per noi italiani la convivialità è un rituale che va rispettato, sempre...

Latte crudo d’alpeggio: la bontà sicura

Sul sentiero del gusto genuino tutto inizia dal latte crudo di alpeggio e da come gustarlo in completa sicurezza.   Il latte crudo d’alpeggio è latte appena munto, e non sottoposto a trattamento termico perché lavorato subito, entro 48 ore dalla mungitura per...

Sulle cime si trova l’autentica bontà: i nostri formaggi di montagna

Come si arriva in vetta? Con fatica, tenacia, prove e a volte fallimenti che ti buttano a terra e ti costringono a riprovarci con più convinzione. Quando si parte per un’escursione non si può improvvisare e sperare nella fortuna. Occorre essere preparati, conoscere e...

Dalla malga alla tavola: i vantaggi del formaggio di alpeggio di nostra produzione

Parola d’ordine: filiera corta La settimana scorsa, in questo articolo abbiamo raccontato il nuovo sentiero che abbiamo intrapreso con l’inizio di una produzione di nostri formaggi di alpeggio. Oltre alla passione per le cose autentiche che ci spinge a esplorare nuovi...

La montagna nel cuore: la nostra prima produzione di formaggi

Il modo migliore per imparare qualcosa di nuovo è fare. Il modo migliore per fare qualcosa di buono è osservare, ascoltare e provare e riprovare i gesti che l’esperienza di una vita hanno reso essenziali, semplici e naturali. In questi mesi Abbiamo avviato una...

Sapori d’autunno con i migliori formaggi di alpeggio piemontesi

Il cibo è la nostra fonte di energia e mangiare è un piacere. Per questo scegliere con attenzione gli ingredienti e trovare modi sani gustosi ma anche facili e veloci per soddisfare le esigenze di ogni componente della famiglia è la nostra sfida quotidiana. Scegliere...

Il re della montagna: Castelmagno DOP d’alpeggio

Il Castelmagno DOP di alpeggio. È un formaggio prodotto con latte crudo, fatto con latte proveniente da bovini allevati in alpeggio, e alimentati con le erbe fresche dei pascoli locali. La sua caratteristica è la pasta ambrata, morbida e compatta, protetta da una...

Assaggi di eccellenza: il Raschera d’alpeggio DOP

Il Raschera d'alpeggio Nel cuore delle alpi piemontesi, a 2000 metri di quota, in una zona circoscritta e composta di soli otto comuni della provincia di Cuneo, nasce il formaggio Raschera di alpeggio: l’eccellenza della tradizione e del suo territorio. Uno dei...

La buona tradizione piemontese: la Robiola di Roccaverano

Il Piemonte è un immenso pascolo: dalle malghe degli alpeggi di alta montagna alla pianura, dai fondovalle alpini alle colline delle Langhe e del Monferrato. Pascoli a perdita d’occhio, e forse proprio questo ha reso il Piemonte una regione che ha fatto dell’arte...

Custodire la tradizione: la Toma Piemontese

Nasce tra i pascoli alpini, e affonda le radici nella tradizione piemontese. La Toma è un formaggio di alpeggio antico che meglio rappresenta il carattere della regione in cui prende forma: il Piemonte. La sua storia di riscatto da formaggio povero a prelibata...
Site created by Prisma Informatica 1984-2020