fbpx
Seleziona una pagina

Il Castelmagno DOP di alpeggio.

È un formaggio prodotto con latte crudo, fatto con latte proveniente da bovini allevati in alpeggio, e alimentati con le erbe fresche dei pascoli locali. La sua caratteristica è la pasta ambrata, morbida e compatta, protetta da una crosta rugosa tipica dei formaggi stagionati in cantina.
Con la stagionatura la pasta matura può sviluppare naturalmente delle muffe responsabili dell’erborinatura.
Il sapore è profumato, sapido con note erbacee e floreali, e più dolce con note di sottobosco lì dove e presente l’erborinatura.
La produzione d’alpeggio avviene durante il periodo estivo: da giugno a settembre.

Il Castelmagno è il formaggio piemontese DOP più conosciuto e apprezzato in Italia e nel mondo, ma non è sempre stato così. La sua storia ha conosciuto alti e bassi fino a rischiare quasi di scomparire.

Ecco un assaggio della sua storia:
Il Castelmagno prende il nome da un celebre santuario intitolato a San Magno e dall’omonimo paese.le prime notizie della sua produzione risalgono al XII secolo, quando il marchese di Saluzzo, nel 1277 impose che l’affitto di alcuni pascoli fosse pagato con forme di Castelmagno.
L’ottocento vede il Castelmagno diventare il re dei formaggi piemontesi e comparire nei menu dei ristoranti di Londra e Parigi.
Dopo la Seconda Guerra Mondiale con lo spopolamento delle montagne il Castelmagno rischiò di scomparire e fino agli anni ’70 rimase sconosciuto al grande pubblico.

Proprio per salvaguardare questo prezioso prodotto caseario della tradizione locale piemontese, SlowFood ha voluto raggruppare i piccoli produttori in un presidio che vuole ristabilire le caratteristiche originarie di produzione.
Il Castelmagno di alpeggio nasce in malga sopra i 1600 metri di altitudine, solo in estate il periodo in cui le vacche pascolano libere e si alimentano solo di erbe fresche senza insilati o mangimi industriali.
Il latte viene utilizzato crudo, poche ore dopo la mungitura e senza alcuna aggiunta di fermenti seguendo tradizionali tecniche di produzione rigorose e artigianali.
Le forme vengono affinate in grotte naturali di tufo, dove la naturale umidità di alta quota sviluppa le nobili muffe naturali.

Il Castelmagno è ampiamente conosciuto, ma forse pochi sanno che esistono due tipologie: il prezioso Castelmagno DOP di alpeggio e il saporito Castelmagno di Montagna. Due produzioni di altissima qualità con due personalità diverse, riconoscibili dalle etichette: verde per l’alpeggio e blu per la montagna.

Castelmagno di Montagna
È prodotto nel periodo tra ottobre e metà maggio con bovine allevate in stalla e alimentate a fieno, anche nei caseifici a valle.
La pasta è di colore avorio, compatta e protetta da una sottile crosta rugosa di colore che varia dal marroncino al rosso a seconda della stagionatura.
Si può gustare fresco dopo due mesi o stagionato quando ha trascorso oltre 4 mesi a maturare su assi di larice in grotte di tufo.
Il gusto è principalmente lattico nei formaggi giovani, sapido e con note erbacee persistente in quelli più stagionati.

Come portarlo a tavola.
Il Castelmagno è un protagonista di eccellenza della cucina italiana. Le ricette a cui meglio si presta sono senza dubbio fondute, gnocchi, polenta e torte salate.
Senza dimenticare il celeberrimo risotto al Castelmagno, che ne esalta a pieno il sapore ed è diventato un piatto iconico che solletica i palati più raffinati.
Interessante è anche l’assaggio in abbinamento a diversi tipi di miele, come quello di tiglio o la melata di quercia.
I vini che meglio si accompagnano sono quelli del loro territorio. Il gusto intenso di questo formaggio si assapora meglio abbinando il giusto vino a seconda del grado di stagionatura del formaggio.
Per il Castelmagno fresco, al di sotto dei 3 mesi di stagionatura, un buon accostamento sono i vini freschi e profumati come il Nebbiolo d’Alba.
Per il Castelmagno stagionato invece servono vini corposi dai profumi intensi e persistenti. L’abbinamento perfetto si trova con il Barolo.

Ti è venuta voglia di assaggiarlo?
Trovi il Castelmagno nella nostra selezione di Escursionisti del Gusto che portiamo a casa tua ogni settimana.

Bufale a tavola? Solo se si tratta di Mozzarella di Bufala Campana Dop

Niente bufale. Siamo alla ricerca della verità che si traduce in formaggi buoni, genuini autentici. Che parlano come si mangiano. Tutta la verità per conoscere meglio la Mozzarella di Bufala Campana DOP e iniziare a gustarla a pieno. Finalmente una buona notizia!...

Il formaggio naturale senza… privazioni

I formaggi sono tanti e tutti diversi, tutti con caratteristiche uniche proprio come ciascuno di noi. Per poter amare il formaggio senza privazioni bisogna conoscere quale è meglio per noi e saperli scegliere. Questo mese lo abbiamo dedicato all’amore, quello per il...

3 curiosità per conoscere meglio la Mozzarella di Bufala

Conosciuta e apprezzata da Sud a Nord, la mozzarella di bufala è famosa in tutto il mondo; ma forse ci sono ancora due o tre cose che non tutti conoscono sulla sua vera identità. Abbiamo scavato nel suo passato per scoprirne le origini, abbiamo indagato sul suo vero...

Dal Veneto alla conquista della mozzarella di bufala

Quando pensiamo alla mozzarella di bufala la prima immagine che ci viene in mente è la Campania. Ed è giusto, perché è la Tradizione di quella zona che ci ha fatto conoscere questo prodotto di eccellenza, riconosciuto e protetto dal marchio DOP. Della bontà della...

Via libera alla Mozzarella di Bufala Campana DOP

Ogni prodotto ha la sua stagione. O meglio, ogni prodotto genuino ha la sua stagione. Si perché da qualche decennio la grande distribuzione ci ha abituati a trovare di tutto in qualunque periodo dell’anno, ma in realtà ogni prodotto naturale è disponibile solo in...

Senza lattosio: quali formaggi per una scelta naturale

Quali sono i formaggi naturali senza lattosio? È la domanda a cui rispondiamo più frequentemente. Sempre più persone infatti lamentano i fastidiosi sintomi derivati dall’intolleranza al lattosio, che portano a cambiamenti radicali nello stile di vita. Essere bene...

5 buoni motivi per amare il formaggio di alpeggio

Per gustare il formaggio di alpeggio basta lasciar parlare il suo sapore e divertirsi ad ascoltare la storia che ha da raccontare.   Ma di buoni motivi per gustarlo ce ne sono tanti, almeno cinque: 1- Gusto straordinario Il formaggio di alpeggio è buono. Sì, è...

5 idee per fare una buona colazione con il formaggio

Chi ben comincia… L’inizio è importante perché significa affrontare per la prima volta qualcosa, e le novità sono sempre faticose finchè non le superiamo mettendo in atto nuovi comportamenti.  Un anno nuovo è iniziato, e forse qualche buon proposito ce lo siamo già...

Formaggi a Natale: 5 consigli per portarli in tavola con creatività

Natale è per tutti il periodo di tavolate imbandite e ricchi banchetti con parenti e amici. E sulla tavola delle feste non può mancare il formaggio, un alimento che come sappiamo è tradizionale, ma che per la sua complessità  può dare un tocco particolare e originale...

3 buone idee per regali genuini a costo zero

Abbiamo iniziato a parlare di regali da qualche articolo a questa parte.  E quando ci chiediamo “cosa voglio regalare?” forse la vera domanda è “cosa vogliamo dire con quel regalo a quella persona?”. Fare un elenco delle caratteristiche che deve avere quel regalo...

Natale etico: i migliori regali sono quelli buoni da gustare

Ho deciso.  Quest’anno niente regali, siamo pieni di tutto e non ci serve niente. Al massimo qualcosa di utile.  Ogni anno va così. Poi mi ritrovo il giorno della vigilia a correre per trovare il regalo utile e di valore, per non presentarmi a mani vuote.  Dico di no,...

Formaggi di alpeggio: l’origine del gusto

Il formaggio ha una storia lunga e ricchissima, che risale alla Preistoria. La storia del formaggio corrisponde all’evoluzione dell’abilità casearia dei nostri antenati, e ha inizio da quando l’uomo ha iniziato a dedicarsi alla pastorizia. Nasce dall’esigenza di...

Immergersi nel gusto

Ci siamo inoltrati a piccoli passi nel sentiero della degustazione per scoprire come utilizzare i nostri sensi nell’esplorazione dei formaggi, e siamo giunti all’ultima tappa: il gusto.   Abbiamo esaminato il formaggio prima con la vista, poi con il tatto e...

Metterci il naso : conoscere il formaggio attraverso l’olfatto

Iniziando l’esplorazione delle caratteristiche organolettiche di un formaggio, abbiamo capito che la degustazione è un affare complesso, ricco di sorprendenti scoperte che riescono a portarci alle vette del gusto. Si tratta di un’attività che coinvolge tutti i sensi e...

Mangiare con le mani – seconda tappa verso la degustazione del formaggio

Abbiamo parlato in questo articolo dell’importanza della vista nel percorso di degustazione.  Mangiare con gli occhi infatti è il primo approccio con il cibo. E abbiamo visto quanti elementi è necessario tenere in considerazione quando diamo attenzione alla vista, per...

Formaggio: un solo nome, tante identità

Si fa presto a dire formaggio. Un alimento consumato quotidianamente, che nella sua semplicità, fatta di soli tre ingredienti (latte, caglio e sale), racchiude la straordinaria complessità di molteplici  combinazioni, che rendono ogni forma un capolavoro unico, dal...
Site created by Prisma Informatica 1984-2020