Per conoscere meglio quello che mangiamo occorre sapere più cose possibili riguardanti quel prodotto e la sua filiera di produzione: dove è nato, come è stato lavorato, se è stato creato con ingredienti artificiali o naturali. 

Quando si tratta di formaggio tutto inizia dal latte. E non tutto il latte è uguale.

Iniziamo quindi il nuovo anno con un’escursione alla scoperta dell’ingrediente principale che dà vita al formaggio: il latte.

Il latte è un alimento costituito per il 90% di acqua, e nella restate percentuale si compone di proteine, sali minerali, grassi e zucchero (il lattosio).

Si fa presto a dire formaggio, perché con una sola parola vengono descritti centinaia di tipologie di prodotti unici e completamente diversi tra loro. Come esistono tanti tipi di formaggio, esistono anche tipi di latte diversi. 

Uno dei primi motivi di questa diversità sta nel tipo di latte che viene utilizzato.

Fresco o in polvere?

Quando parliamo di formaggio, diamo per scontato che sia formaggio completamente naturale, prodotto da ingredienti freschi e vivi.

Ci riferiamo sempre ai formaggi che selezioniamo, quindi prodotti DOP che hanno un rigido disciplinare di produzione da rispettare, che ci garantisce la massima affidabilità e genuinità. 

Esistono purtroppo però anche formaggi industriali, che per esigenze di mercato, vengono prodotti con latte in polvere e che possono utilizzare lo stesso nome dei formaggi autentici.

L’unico vantaggio di utilizzare latte in polvere è quello economico per il produttore, perché non essendo un ingrediente fresco non subisce alcuna alterazione e dà un prodotto standard sempre identico, a discapito di qualità e genuinità per chi lo acquista.

I formaggi DOP invece devono essere prodotti esclusivamente con latte fresco.

Fresco, appena munto.

Il latte fresco può essere quindi vaccino, quando è prodotto da vacche, ovino da pecore, caprino da capre oppure può essere di bufala.

Anche qui però le cose cambiano a seconda di come vengono allevati gli animali che lo producono.

Il latte prodotto da animali allevati in stalla è più ricco di grassi saturi, rispetto al latte prodotto al pascolo.

Questa differenza è data dal diverso modo in cui vengono alimentati gli animali: quando vengono allevati in stalla consumano maggiori quantità di mangimi mentre al pascolo si nutrono di erbe fresche.

Il grasso nel latte ha un ruolo fondamentale: serve a far maturare aroma e gusto al formaggio durante la stagionatura.

Per noi che lo consumiamo è importante che le percentuali di grassi saturi e insaturi siano ben equilibrate, e questo si ottiene maggiormente con i formaggi prodotti da latte fresco proveniente da animali al pascolo. 

I formaggi di alpeggio sono la massima espressione di qualità nel gusto ma anche di genuinità perché prodotti con latte crudo prodotto dagli animali liberi al pascolo.

Latte crudo

I formaggi italiani più famosi si ottengono con il latte crudo.

Questo perché il latte crudo conserva tutto il sapore dato dalle caratteristiche uniche del territorio in cui viene prodotto. 

Per produrre formaggi a latte crudo il latte deve essere utilizzato fresco, appena munto, entro le 48 ore dalla mungitura senza alcun trattamento termico.

Questo garantisce la massima qualità nella caseificazione e può avvenire solo quando il luogo di allevamento degli animali coincide con quello di produzione del formaggio, come nelle malghe in alpeggio. 

Il più famoso tra i formaggi a latte crudo è senza dubbio il Parmigiano DOP, che da secoli mantiene inalterato il suo procedimento e ancora oggi è uno delle eccellenze agroalimentari del nostro Paese.

Ma ci sono tantissime altre produzioni meno conosciute che creano eccellenze, tutte da esplorare. Si tratta dei formaggi di alpeggio, che con tanta fatica continuano a portare avanti la tradizione nel massimo rispetto della genuinità antica.

Per conoscere la qualità del formaggio che mangiamo occorre sapere con che tipo di latte è prodotto.

Un buon formaggio non è solo buono nel gusto, deve essere soprattutto genuino.

Un buon formaggio è fatto di ingredienti buoni: latte fresco, crudo, di alpeggio.

10 tra i migliori formaggi a latte crudo

Continua la ricerca della vetta del gusto e della genuinità attraverso l'esplorazione delle coraggiose produzioni locali che portano sulle nostre tavole i migliori formaggi italiani. I formaggi a latte crudo, d’allevo, d’alpeggio, di malga insomma quei formaggi figli...

5 buoni motivi per amare il formaggio di alpeggio

Per gustare il formaggio di alpeggio basta lasciar parlare il suo sapore e divertirsi ad ascoltare la storia che ha da raccontare.   Ma di buoni motivi per gustarlo ce ne sono tanti, almeno cinque: 1- Gusto straordinario Il formaggio di alpeggio è buono. Sì, è...

5 consigli per un tagliere di formaggi di alpeggio perfetto

Come comporre un tagliere di formaggi perfetto:   Cinque semplici regole per portare in tavola tutta la bontà della montanga e degustarla nel modo corretto. Abbiamo deciso di fare il giro delle alpi alla ricerca dei migliori formaggi di alpeggio, vieni con noi? No,...

Assaggi di eccellenza: il Raschera d’alpeggio DOP

Il Raschera d'alpeggio Nel cuore delle alpi piemontesi, a 2000 metri di quota, in una zona circoscritta e composta di soli otto comuni della provincia di Cuneo, nasce il formaggio Raschera di alpeggio: l’eccellenza della tradizione e del suo territorio. Uno dei...

Cima Larici la vetta della genuinità

Cima Larici è il formaggio di alpeggio prodotto solo per gli Escursionisti del Gusto e prende il nome dal luogo in cui nasce. La zona  Cima Larici si trova in provincia di Vicenza, nella zona “alta” dell’Altopiano dei sette comuni. È al margine settentrionale delle...

Cima Portule: il nostro formaggio di montagna

Il Cima Portule è uno dei nostri migliori formaggi naturali di alpeggio, prodotto in montagna solo per gli Escursionisti del Gusto.   È un formaggio di montagna, mezzano o stagionato, preparato con latte crudo e lavorato artigianalmente in estate, tra luglio e...

Come assaporare la vetta del gusto con i formaggi di malga lombardi

Verso la vetta del gusto: dal più fresco al più stagionato gustiamo gli ottimi formaggi di alpeggio della Lombardia, in un percorso tra piatti della tradizione e abbinamenti unici, tutti da provare. Nelle settimane precedenti abbiamo esplorato gli alpeggi delle...

Come conservare al meglio i formaggi d’alpeggio: 5 consigli preziosi

Al rientro da ogni escursione il rituale più gioioso è quello di fermarsi a gustare i sapori della montagna. Fermarsi ad assaporare i prodotti di malga che nascono in alpeggio è un’esperienza impagabile. Così bella che è impossibile resistere al desiderio di portare a...

Conoscere meglio il formaggio: i fermenti naturali

Di fermenti lattici si sente parlare molto, sappiamo della loro importanza per il nostro benessere ma non vengono quasi mai nominati quando si tratta di formaggi.  I fermenti lattici naturali hanno un ruolo fondamentale nella produzione del formaggio perché insieme al...

Custodire la tradizione: la Toma Piemontese

Nasce tra i pascoli alpini, e affonda le radici nella tradizione piemontese. La Toma è un formaggio di alpeggio antico che meglio rappresenta il carattere della regione in cui prende forma: il Piemonte. La sua storia di riscatto da formaggio povero a prelibata...

3 curiosità per conoscere meglio la Mozzarella di Bufala

Conosciuta e apprezzata da Sud a Nord, la mozzarella di bufala è famosa in tutto il mondo; ma forse ci sono ancora due o tre cose che non tutti conoscono sulla sua vera identità. Abbiamo scavato nel suo passato per scoprirne le origini, abbiamo indagato sul suo vero...

Bufale a tavola solo se DOP

Niente bufale. Siamo alla ricerca della vera bontà dei formaggi naturali. Formaggi genuini che raccontano tutta la verità su ciò che mangiamo. Mettiamo in tavola la Mozzarella di Bufala Campana DOP per conoscerla meglio e iniziare a gustarla davvero. La mozzarella di...

Il formaggio naturale senza… privazioni

I formaggi sono tanti e tutti diversi, tutti con caratteristiche uniche proprio come ciascuno di noi. Per poter amare il formaggio senza privazioni bisogna conoscere quale è meglio per noi e saperli scegliere. Questo mese lo abbiamo dedicato all’amore, quello per il...

L’autentica mozzarella di bufala veneta

La mozzarella di bufala si produce solo in Campania. Ormai non più, la mozzarella di bufala si produce anche in veneto, tra le colline del prosecco. La verità è che la mozzarella di bufala DOP è solo campana. La vera Mozzarella di bufala Campana nasce tra le province...

Senza lattosio: quali formaggi per una scelta naturale

L’intolleranza al lattosio è la difficoltà di digerire il lattosio, per la carenza dell’enzima lattasi. Quando il lattosio non viene scomposto correttamente ristagna nell’intestino, provocando dolori, gonfiori e disturbi di vario genere. Chi soffre di questi disturbi...

Via libera alla Mozzarella di Bufala Campana DOP

Ogni prodotto ha la sua stagione. O meglio, ogni prodotto genuino ha la sua stagione. Si perché da qualche decennio la grande distribuzione ci ha abituati a trovare di tutto in qualunque periodo dell’anno, ma in realtà ogni prodotto naturale è disponibile solo in...
Visualizzazioni: 3
img-2 Site created by Prisma Informatica 1984-2024