fbpx
Seleziona una pagina

Per amare il formaggio di alpeggio basta lasciar parlare il suo sapore e divertirsi ad ascoltare la storia che ha da raccontare.  

Ma di buoni motivi per farlo ce ne sono tanti, almeno cinque:

1- È veramente buono.

Il formaggio di alpeggio è buono. Sì, è principalmente una questione di gusto, perché il suo sapore ricco, intenso e deciso è la parte che si fa più sentire della sua identità. Il sapore intenso è la caratteristica ben marcata e profondamente legata al luogo di produzione. Il formaggio fa emergere sempre il suo carattere man mano che la maturazione procede. Le stagionature lunghe permettono agli elementi del formaggio di far evolvere completamente il gusto, e far sentire sempre più chiaramente ogni sfumatura e profumo a partire dal latte, la stagione, gli animali fino alle erbe che hanno mangiato. I formaggi più freschi e meno stagionati 

2- Sai sempre da dove viene.

Per essere definito “di alpeggio” il formaggio deve essere prodotto in una zona montuosa sull’arco alpino a un altitudine non inferiore a 700mslm. Quando acquistiamo un formaggio di alpeggio siamo certi della sua origine, non solo per la definizione tecnica, ma proprio perché di quel formaggio possiamo sapere tutto di come è nato. A partire dal latte, che arriva direttamente dalle vacche che vivono in malga e si possono veder pascolare durante il periodo estivo. Il luogo di produzione è emblematico e dà il nome a quel formaggio. Non è solo questione di termini o parole, è un fatto di identità e identificazione. 

Il luogo determina una parte importante delle caratteristiche del formaggio e si possono riconoscere all’assaggio.

3- È davvero autentico e genuino.

Il formaggio di alpeggio è lavorato in modo artigianale, quindi solo ingredienti naturali, selezionati e controllati, miscelati sapientemente dall’esperienza del maestro casaro. Non ci sono trucchi o aiutini artificiali per stabilizzare il risultato. La sua genuinità è assicurata dagli ingredienti e la sua autenticità dal metodo di lavorazione artigianale.

A ogni cagliata ciascuna forma viene lavorata con cura, con gesti, tempi e modi  irripetibili. Ogni cagliata è un momento unico, in cui intervengono fattori ambientali che non sono modificabili da parte dell’uomo e contribuiscono a far nascere formaggi dalla personalità inconfondibile.

Creare un alimento così complesso in modo totalmente artigianale e genuino è un attività difficile e accurata, che richiede una buona dose di tecnica e passione. Farlo in un ambiente così ricco di asperità come è la montagna richiede anche parecchio coraggio.

 

4- Rispettoso 

Del tempo. Il formaggio di alpeggio prende forma lentamente, non mette fretta a nessuno, segue i ritmi della natura, aspetta la stagione giusta e rispetta i ritmi di vita degli animali. 

Della tradizione. La sua storia ha origini antiche, ed è fatta di gesti tramandati e ripetuti di padre in figlio, custoditi in ogni forma. 

Del paesaggio. Si prende cura del mantenimento dell’ambiente circostante, della salute dei pascoli, perché solo preservando la ricchezza naturale si può continuare a produrre dell’ottimo formaggio. 

Del lavoro. Il lavoro artigianale richiede una quantità di competenze, esperienza ed energie che non possono essere svendute per nessun motivo. Lo sfruttamento non produce mai ricchezza o qualità. 

5- Etico ed ecosostenibile.

Le piccole produzioni artigianali migliorano l’ambiente circostante, perché utilizzano solo le risorse necessarie in maniera sostenibile, mantenendo quel luogo vivo, rigoglioso e florido con la loro attività produttiva. 

Produrre formaggi in alpeggio non significa solo essere artigiani, vuol dire amare e proteggere la montagna, viverla senza sfruttarla, portare prosperità in luoghi difficili da promuovere.

Acquistarli significa sostenere queste piccole attività eroiche e fare in modo che le tradizioni che custodiscono vengano tramandate e mantenute vive.

Con le nostre scelte diamo vita al mondo che ci piace.

La buona spesa arriva a casa tua

Hanno sospeso i mercati, e con loro anche il nostro lavoro lì. In queste ore ci siamo trovati di fronte a un’ulteriore sfida imposta dall’emergenza: riuscire a garantire alle famiglie uno dei servizi essenziali: fare la spesa.  Ci siamo incontrati nella piazza, al...

Come far perdere la testa a un amante del formaggio: 3 abbinamenti con i cocktail

Febbraio per noi ultimi dei romantici è il mese dell’amore. Dell’amore con la maiuscola certo, ma anche dell’amore in senso più ampio, di quell’amore riferito alle passioni e agli interessi.  Perché sto parlando di amore? Questo è un blog che parla di passione per il...

Partire con il piede giusto: come iniziare a camminare in montagna senza affanno

Anche un viaggio di mille miglia inizia da un singolo passo (Lao tzu) Iniziare l’anno con il piede giusto per cercare di tornare o rimanere in forma attraverso buone abitudini quotidiane. Il primo passo è dedicare cura all’alimentazione. Mangiare è per ogni essere...

Escursione natalizia tra i 6 migliori formaggi di alpeggio

Natale è sinonimo di festa, di vacanze in famiglia, di momenti conviviali e di regali.  Ci sono regali che si mettono sotto l’albero per fare felice una persona, e regali che si mettono sulla tavola da gustare tutti insieme e creano armonia. Se credi sia impossibile...

Formaggi a Natale: 5 consigli per portarli in tavola con creatività

Natale è per tutti il periodo di tavolate imbandite e ricchi banchetti con parenti e amici. E sulla tavola delle feste non può mancare il formaggio, un alimento che come sappiamo è tradizionale, ma che per la sua complessità  può dare un tocco particolare e originale...

Come far perdere la testa a un amante del formaggio: 3 abbinamenti con i cocktail

Febbraio per noi ultimi dei romantici è il mese dell’amore. Dell’amore con la maiuscola certo, ma anche dell’amore in senso più ampio, di quell’amore riferito alle passioni e agli interessi.  Perché sto parlando di amore? Questo è un blog che parla di passione per il...

Mangiare con le mani – seconda tappa verso la degustazione del formaggio

Abbiamo parlato in questo articolo dell’importanza della vista nel percorso di degustazione.  Mangiare con gli occhi infatti è il primo approccio con il cibo. E abbiamo visto quanti elementi è necessario tenere in considerazione quando diamo attenzione alla vista, per...

5 buoni motivi per amare il formaggio d’alpeggio

Per amare il formaggio di alpeggio basta lasciar parlare il suo sapore e divertirsi ad ascoltare la storia che ha da raccontare.   Ma di buoni motivi per farlo ce ne sono tanti, almeno cinque: 1- È veramente buono. Il formaggio di alpeggio è buono. Sì, è...

Dal Veneto alla conquista della mozzarella di bufala

Quando pensiamo alla mozzarella di bufala la prima immagine che ci viene in mente è la Campania. Ed è giusto, perché è la Tradizione di quella zona che ci ha fatto conoscere questo prodotto di eccellenza, riconosciuto e protetto dal marchio DOP. Della bontà della...
Site created by Prisma Informatica 1984-2020